Progressiva ascesa termica prima del crollo: termometro sull’ottovolante!

Facebook

MAGGIO CON TEMPERTURE ANCORA SOPRA LE RIGHE

Twitter

Decisamente dal sapore estivo questa prima parte del mese: sino a metà settimana l’anticiclone porterà sull’Italia assoluta stabilità atmosferica e temperature in aumento specie al Nord. Poi da giovedì ne succedono di tutti i colori: ingresso altantico sul Mediterraneo, richiamo caldo al Sud (oltre i +30°C) ma temporali in serata al Nord, anche forti. A seguire fresco dilagante sino al weekend, quando le precipitazioni raggiungeranno anche il Centro-Sud ed il Maestrale ingranerà la quarta. >> DETTAGLIO PREVISIONALE >>


LA MACCHINA DEL TEMPO: CORSO DI METEOROLOGIA PER SCUOLE MEDIE SUPERIORI:

>> LEZIONE 1 >> LEZIONE 2 >> LEZIONE 3 >>


Fallere 001
Tramonto al Castello di Santa Severa (RM); sembra piena estate sul litorale romano, ma da venerdì la musica cambierà – foto di Claudio Ricci

Settimana in compagnia dell’alta pressione, quella appena iniziata. Una possente campana anticiclonica si eleva dal Marocco sull’Europa Occidentale e qui sembra voler rimanere per almeno quattro giorni, in una configurazioni stabile che vede contestualmente un’area di bassa pressione sull’Atlantico.

Sull’Italia dunque c’è da attenderci altre giornate di stabilità atmosferica e temperature elevate, al di sopra delle medie del periodo di 4-6 gradi ma anche qualcosa di più al Nord. Sarà infatti al Settentrione, specie Nord-Ovest, che la colonnina di mercurio salirà oltremodo, a causa dell’azione congiunta della subsidenza esercitata dall’alta pressione e dell’effetto favonico indotto dalla catena alpina con correnti che in quota saranno settentrionali.

Estate dunque che parte un mese prima rispetto al calendario meteorologico? A guardare quanto successo la scorsa settimana, con i +40°C raggiunti in Sardegna, parrebbe di sì. Eppure stavolta la parentesi di tempo bello potrebbe interrompersi a dir poco bruscamente: una bassa pressione proveniente dall’Atlantico penetrerà come un proiettile in area mediterranea, riuscendo a vincere la resistenza dell’anticiclone grazie ad una ripresa della componente zonale delle correnti in quota.

Tutto ciò avverrà tra giovedì e venerdì, giorni in cui il Nord assisterà agli effetti della tosta rinfrescata mentre il Centro-Sud si vedrà costretto a subire un’ulteriore impennata delle temperature, condito anche da umidificazione della colonna d’aria e dunque da sensazione di afa.

Il peggioramento sarà rapido ma non indolore, vista la sfuriata temporalesca attesa al Nord e poi in scivolamento nel weekend sul resto della Penisola. Ma vediamo un po’ più nel dettaglio cosa ci attende nei prossimi giorni.

>> IL TEMPO DELLA SETTIMANA <<

Da oggi, lunedì 11 maggio, a mercoledì assenza di fenomeni e nubi significative su tutta la Penisola. Solo nel pomeriggio di mercoledì un po’ di instabilità dovrebbe interessare le Alpi. Temperature abbastanza alte al Nord e in generale aumento nei tre giorni; in media al Sud, dove specie tra Adriatico e Jonio soffierà un debole Grecale.

Giovedì nubi in aumento al Nord e sul bacino ligure per una goccia fredda in avvicinamento oltralpe. Depressione in formazione sulla Pianura Padana e primi temporali il pomeriggio-sera sulle Alpi, anche forti localmente. Nuvolosità medio-alta sui versanti tirrenici del Centro-Sud. Ventilazione in rinforzo da meridione. Temperature in aumento ovunque (ma dalla sera in calo al Nord), specie al Sud, per via del richiamo caldo.

Venerdì la bassa pressione raggiunge il suo massimo approfondimento (1000 hPa) e si muove verso sud. Ancora temporali sulle Alpi ma anche al Centro. Niente precipitazioni invece al Sud e sulle Isole Maggiori. Irrompe il fresco al Nord ed il Maestrale forte in Sardegna. Mari quasi tutti tendenti ad agitati.

Nel weekend migliora al Nord ma il fulcro depressionario si sposta al Centro-Sud. Tempo compromesso dunque sabato al Centro e sulla Sardegna e domenica al Sud per precipitazioni a carattere di rovescio. Rinfresca in modo deciso ovunque. Maestrale forte sui bacini di ponente.