Meteoreport a “I 400 Corti Film Fest”!

BUON SUCCESSO per la serata dal tema “science fiction”

Nella splendida cornice del Palazzo Doria Pamphili di Valmontone (RM), si è svolta giovedì 24 novembre sera la rassegna cinematografica METEOCINEMA. Inserita nel contesto del festival cinematografico “I 400 Corti Film Fest”, organizzato dall’Associazione “I 400” e per una sera eccezionalmente di scena a Valmontone, è stata l’occasione per dare uno sguardo da un’angolazione inedita su alcune celebri pellicole del filone “science fiction”. >>

I direttivi delle associazioni organizzatrici della serata: I 400 e Meteoreport.net. Foto di Irene Bizzoffi.
I direttivi delle associazioni organizzatrici della serata: I 400 e Meteoreport.net. Foto di Irene Bizzoffi.

Il tema affrontato nella serata METEOCINEMA è stata la fiction cinematografica avente temi di carattere climatico e meteorologico. È noto a tutti che il mondo del cinema ha più e più volte sfruttato il filone meteo-climatico e, grazie alle abili capacità dei professionisti del settore, sono state prodotte interessanti trame ambientate in scenografie mozzafiato.

Dopo i saluti iniziali dell’Assessore alla Cultura di Valmontone, Maria Grazia Angelucci, la serata ha voluto proporre una visione critica degli aspetti trattati in alcune pellicole e, prendendo spunto da alcune scene selezionate, sono state poste agli esperti presenti alcune domande specifiche dalle quali è stato possibile anche ampliare il discorso in senso più generale.

3

Moderatore della serata è stato il giornalista Massimo Sbardella mentre Emanuele Latini, caporedattore di Meteoreport.net, ne è stato il coordinatore. In qualità di esperti dei settori meteorologico-climatico e cinematografico sono intervenuti, rispettivamente, il meteorologo Guido Guidi e il direttore della fotografia Nino Celeste.

L’ingegnere Stefano Starace di Meteoreport.net ha introdotto il primo film della serie, La tempesta perfetta, film del 2000 basato su una storia realmente accaduta nella quale si racconta la genesi e l’evoluzione della celebre “Tempesta di Halloween” dell’ottobre 1991, tra gli USA di nord-est e l’Atlantico centro-occidentale: molti gli spunti di discussione offerti dal film, a cominciare dal volo di un aereo di ricognizione all’interno di un uragano per finire a come si riproducono sul set le scene di un peschereccio in balia delle onde.

2

A seguire è stato il turno di Vajont, pellicola italiana del 2001 che racconta i drammatici fatti relativi alla ben nota tragedia del 1963. Pur non essendo prettamente legato al mondo della meteorologia, il film ha saputo dare input interessanti alla serata, anche grazie alla sapiente descrizione dei fatti da parte del geologo Luciano Capeccioni, dalle file dell’Associazione Meteoreport.net.

Terza pellicola proposta e introdotta dal Segretario di Meteoreport.net, Marco Fantegrossi, è stata Snowpiercer, recente successo del cinema sud-coreano nel quale vengono affrontate tematiche relative alla manipolazione meteo-climatica causata dall’uomo e alla sopravvivenza del genere umano in condizioni climatiche estreme: una trama senz’altro provocatoria e di fantasia dalla quale è scaturito un interessante dibattito sul tema.

Gran finale con il Presidente di Meteoreport.net, Stefano Bartozzi, e il celebre The Day After Tomorrow del 2004. Tra spettacolari tornadoes in quel di Los Angeles e dopo divertenti aneddoti raccontati direttamente da Guidi e Celeste sul reciproco e antico rapporto tra mondo del cinema e mondo della meteorologia, la serata si è conclusa con gli interventi del pubblico e con i saluti di Valentina Visconti, presidente dell’Associazione Culturale “I 400”.

1

Esperimento riuscito, dunque per l’Associazione Meteoreport.net, che promuove la divulgazione della cultura meteorologica a 360 gradi, collaborando con le altre realtà del territorio come l’Associazione Culturale “I 400”.

Una formula di successo, quella del connubio tra meteo e cinema, che andrà senz’altro replicata. Appuntamento dunque – perché no? – alla prossima edizione de “I 400 Corti Film Fest”!