Artico Express!

ANTICICLONE IN BLOCCO SULL’ATLANTICO CENTRO-SETTENTRIONALE…

ITALIA SEMPRE ESPOSTA ALLE CORRENTI SETTENTRIONALI DI ORIGINE ARTICA!

500hPa09gen1200paint

QUADRO METEOROLOGICO ATTUALE

La situazione barica è caratterizzata da una forte area anticiclonica centrata ad ovest dell’Irlanda che agisce da blocco per le perturbazioni atlantiche che non riescono ad avvicinarsi alle coste occidentale europee, ma vengono deviate verso latitudini artiche e da lì, aggirando l’alta pressione, si gettano da nord verso i Balcani ed il Mediterraneo centro-orientale; è una situazione che permane da diversi giorni e porta aria molto fredda, ma scarsamente umida sulle nostre zone; le precipitazioni così non raggiungono quantitativi elevati, si presentano in forme debole o al massimo moderata ed insistono sempre sulle stesse aree: il versante estero delle Alpi, il versante adriatico centro-meridionale e il Sud, qui in modo particolare sulla Puglia, la Sicilia tirrenica e la Calabria; considerando inoltre le basse temperature ecco che assumono carattere nevoso a quote collinari e localmente anche sul mare; sulle altre regioni tempo freddo e asciutto dove le precipitazioni mancano da molto tempo e la neve è assente anche in montagna. In queste ore come potete osservare dalla grafica della cartina sopra riportata sta prendendo corpo l’ennesima irruzione fredda artica che come le altre percorrerà la stessa strada e sortirà i medesimi effetti, anche se la neve si dovrebbe limitare alle quote collinari se non con qualche sconfinamento più in basso su Marche e Romagna

Per una maggiore descrizione nello spazio e nel tempo delle precipitazioni previste vi invitiamo a consultare i bollettini dell’Aeronautica Militare richiamati in fondo a questo articolo.

TENDENZA A 72 ORE e per il fine-settimana

L’alta pressione delle Azzorre tenderà ad allargare il suo centro di azione verso l’Europa centrale spostando verso est l’irruzione fredda e portando ad un miglioramento generalizzato del tempo, ma lasciandoci sopra il nocciolo più freddo di tutta la massa d’aria tanto che nella notte tra venerdì e sabato e quella successiva le temperature minime potranno raggiungere valori molto bassi anche inferiori ai 10 gradi sottozero, oltre che nelle vallate alpine anche nelle conche interne dell’Appennino centrale, come Norcia, Amatrice, L’Aquila ed il Fucino.

500hPa12gen1200

La cartina sotto riportata illustra le precipitazioni cumulate fino a venerdì e mettono bene in evidenza la loro insistenza sui versanti esteri delle Alpi, il medio-basso Adriatico, la Sicilia tirrenica e la Calabria; l’intensità sarà nel complesso debole o localmente media e saranno a carattere nevoso a partire dalle quote collinari; gli accumuli previsti sono la conseguenza della loro insistenza su 36-48 ore consecutive.  

WRF PRP08 11gen

TENDENZA SUCCESSIVA (DA CONFERMARE)

Dal fine settimana e l’inizio della prossima dovrebbe esserci un pausa nelle correnti artiche con un rialzo generale delle temperature specie sui versanti occidentali. Vista la distanza previsionale vi invitiamo però a seguire i nostri prossimi aggiornamenti!

LA PAROLA AL PREVISORE

«Per una previsione dettagliata nelle prossime 72 ore e la tendenza successiva vi invitiamo a consultare i riferimenti sotto indicati>>

PREVISIONE PER I PROSSIMI GIORNI E LINEA DI TENDENZA A CURA DELL’AERONAUTICA MILITARE:

OGGIDOMANI, MEDIO TERMINE, LUNGO TERMINE, CONDIZIONI MARINE

PRINCIPALI SERVIZI METEOROLOGICI E CLIMATOLOGICI REGIONALI PUBBLICI:

TrentoBolzanoValle d’AostaFriuli-Venezia GiuliaLombardiaPiemonteLiguriaEmilia-RomagnaToscanaMarcheUmbriaAbruzzoLazioMoliseCampaniaPugliaBasilicataCalabriaSiciliaSardegna