Anticiclone sull’Italia

Un campo di pressioni alte e livellate si estende lungo i paralleli dall’Atlantico verso l’Europa sud-occidentale, compreso il bacino del Mediterraneo. Alle latitudini superiori, scorre il flusso umido perturbato oceanico, ben indirizzato nel cuore del Vecchio Continente da una vasta e profonda depressione il cui minimo barico si trova immediatamente a ovest della Scozia. 

Venti sud-occidentali sostenuti quindi sul Regno Unito, ma anche sul BENELUX e sulle Repubbliche Baltiche. Il clima in Europa però è generalmente mite, con il gelo relegato a ridosso degli Urali e sulla Lapponia, mentre una goccia fredda, ormai in fase di colmamento, indugia sull’Egeo, condizionando il tempo anche sul nostro meridione, con  nubi diffuse e deboli piogge tra Calabria e Sicilia, in esaurimento entro sera.

Con l’assetto barico descritto, il tempo in Italia non può che risultare buono, con freddo solo al mattino nelle zone interne e nelle valli, e temperature ben più miti nelle ore centrali del giorno. Pochi cambiamenti nelle prossime 48 ore, con qualche nube in più a partire da domenica tra Liguria e Toscana, accompagnata da deboli piogge. Qualche fiocco di neve sulle Alpi, specie nel pomeriggio-sera.