L’Uomo degli Spaghi generoso solo al Sud: “Al Nord preparassero pomodoro e basilico…”

Eccoci qui alla nostra rubrica meteogastronomica dedicata all’emissione GFS Ensamble degli “Spaghi”.

Dopo un po’ di giorni di stabilità (sarebbe meglio dire “astinenza”), utile per disintossicarsi dall’indigestione di dieci giorni orsono, ecco servito un piccolo colpo di coda invernale con spaghetti all’arrabbiata serviti freddi quanto basta; ma solo per il Sud e per le regioni adriatiche, con termiche (a 850 hPa) capaci di toccare i -8°C su Lecce!

Certo: non saranno spaghetti-gourmet, ma avremo comunque un po’ di neve e di freddo in bassa montagna con locali apparizioni a quote collinari per qualche giorno a partire da domani.

Tutto questo, come preannunciato, solo su Meridione e regioni centrali adriatiche, mentre al Nord continuerà una ridondante dieta mediterranea fatta di piattume vegetariano.

Spifferino infine sulle centrali tirreniche; ma poi, nel long-range (sempre con l’attendibilità bassa delle nostre spaghettate), si comincia a intravedere una pomodoro e basilico a base di primi tepori primaverili. Tenete pronto il parmigiano, ok?

Lo Chef

Spaghi di Campobasso: domani una imbiancatina ci può stare!