Un Vortice Polare molto freddo e compatto tiene alla larga il maltempo dal Mediterraneo!

Apriamo questo editoriale con le immagini drammatiche del Mozambico, colpito nei giorni scorsi dal ciclone Idai! Sono decedute quasi un migliaio di persone, i danni sono incalcolabili. Complice del disastro, il dissesto idrogeologico in cui versa lo stato. Un uragano di pari intensità che avesse colpito la costa degli Stati Uniti, non avrebbe procurato un simile disastro, purtroppo questa la situazione in cui vive questa gente.

Nella stessa situazione in caso di tifoni si trovano le Isole Filippine, il Golfo del Bengala, il Vietnam. Fino a che questi stati non prenderanno seri provvedimenti nella tutela del proprio territorio, di queste calamità ne vedremo delle altre purtroppo. Non centrano assolutamente nulla i cambiamenti climatici e il global warming, in quest’area nel passato ci sono stati cicloni ben peggiori con migliaia di vittime.

Torniamo ai fatti di casa nostra, l’assenza ormai da mesi della pioggia: un anticiclone a scudo del Mediterraneo con la coperta corta, quanto basta per favorire a fasi alterne correnti settentrionali, rinforzo del vento, e poca pioggia, perlopiù limitata al nostro Sud peninsulare e la Sicilia. La causa sta nel V.P. (Vortice Polare) che è ancora molto compatto per il periodo, il freddo resta ancorato a latitudini settentrionali, e finchè la struttura continuerà a girare vorticosamente, sarà difficile vedere un peggioramento del tempo sul Mediterraneo, e la pioggia.

Non resta che attendere la sua naturale decadenza stagionale, con un “final Warming”che visto il ritardo, potrebbe essere notevole, con possibile maltempo in Primavera avanzata. Tutto è da vedere e scrivere più avanti, possiamo al momento solo fare supposizioni. Pertanto restate con noi, vi daremo delle notizie per quanto possibile sulle Festività Pasquali nei prossimi giorni.