E’partita l’Estate, e vorremmo sottolineare che anche i temporali fanno parte del gioco…

Prepotente flusso dal Nord-Africa in questo weekend, con temperature in incipiente aumento! Flessione dell’alta pressione invece tra lunedì e martedì, quanto basta, per innescare forti temporali, specie al Nord, ma anche lungo l’Appennino.

E’ Estate comunque, il temporale fa parte della stagione, non sono vere e proprie perturbazioni organizzate, sono spifferi freschi, pilotati dalle depressioni atlantiche, che traslano da ovest verso est in seno alle grandi correnti aeree o jet-stream.

In pochi sanno, che il massimo delle precipitazioni, sulle Alpi, avviene durante l’Estate, alcuni settori dell’Italia Nord-Orientale, ha cumuli precipitativi di oltre 2000 mm. Anche l’Appennino, durante l’Estate, spesso è visitato da fenomeni temporaleschi. Il sole, scalda  oltre misura il terreno, l’aria sale verso l’alto(secondo principio della termodinamica) e forma nubi imponenti, i rilievi montuosi esaltano il fenomeno, spingendo la massa d’aria ancora più in alto, ed ecco lo sviluppo di forti rovesci, o manifestazioni temporalesche fino a sera. Poi torna il sereno.

Questo per fare chiarezza, anche se negli ultimi anni,(eccezionali)  sono stati con caldo oltre le medie, e poveri di precipitazioni, l’Estate Mediterranea è questa. Quindi ci pregiamo di confermare, che anche in caso di episodi temporaleschi, la stagione sarebbe tutt’altro che anomala. Andrà così? Al momento la nostra risposta è affermativa, anche se, in meteorologia, come nella vita, mai dire mai. Restate con noi.