Benvenuto autunno!!!

Tra lunedì e martedì (ieri) abbiamo assistito ad un primo assaggio autunnale: piogge intense su tutto il Nord Ovest, con temporali autorigeneranti sulla Liguria -dove gli accumuli hanno superato i 400 mm!-, nevicate sulle Alpi a quote alte -over 1800-2000 m in Val d’Aosta-, temperature in calo sul Centro-Nord e temperature miti nel Meridione -un classico con queste configurazioni meteo-. 

Questa mattina (mercoledì) l’intera Nazione si è svegliata con cieli sereni o al più poco nuvolosi: “la quiete dopo la tempesta”; solo sull’estremo Sud persiste il maltempo, ma avrà comunque vita breve.

“Tutto finito? Tutto come prima?” Vi chiederete. “Dov’è l’autunno, quello vero, quello con piogge moderate e continue?” 

A questa domanda, possiamo “iniziare” a rispondere. La distanza temporale è ancora importante, per questo è doveroso prendere tutto “con le pinze”; ma a “grande scala” sono già iniziati i primi passi per preparare la prima vera irruzione autunnale. 

Sull’Oceano Atlantico, a sud dell’Islanda tra le Isole Britanniche e la Groenlandia, insiste una profonda depressione (975 hPa) che gira veloce come una trottola “regalando” precipitazioni diffuse anche a molte centinaia di chilometri di distanza rispetto al suo minimo barico (centro). 

Nei prossimi giorni l’Anticiclone delle Azzorre scalzerà di prepotenza la depressione, che sarà costretta a muoversi verso sud-est. Ad oggi, stando ai modelli matematici, la sua possibile traiettoria interesserà le Isole Britanniche, la Francia ed infine la parte orientale della Penisola Iberica. Chiaramente, muovendosi verso le basse latitudini perderà vigore, ma lo farà molto lentamente. 

L’Italia dovrà fare i conti con la depressione atlantica a partire dalla giornata di sabato (estremo Nord-Ovest) poi sarà la volta delle regioni centrali tirreniche e del Nord-Est. 

Se l’evoluzione sembra ormai definita, la stessa cosa non si può dire del percorso che seguirà il minimo depressionario: tanto più questo sarà vicino alla nostra Penisola, tanto maggiori saranno gli effetti. 

Con elevata probabilità entro il weekend gran parte dell’Italia “piomberà” nel “vero autunno”; nei prossimi giorni vi aggiorneremo sulle “modalità d’ingresso”. 

Nel frattempo, vi invitiamo a seguire l’azione della depressione atlantica con l’ausilio delle immagini satellitari. 

Immagini aggiornate

16 ottobre 2019: depressione atlantica in azione