L’Atlantico non si ferma!

La situazione barica attuale vede due estese aree di alta pressione con massimi di 1030 hPa posizionate una sulle isole Azzorre e l’altra sulla Russia, tra le quali scorre un intenso canale depressionario che dall’Atlantico settentrionale attraversa l’Europa ed arriva sul Mediterraneo, spingendosi fino alle coste settentrionali africane.

Lungo questo “fiume d’aria” scorrono vortici depressionari e fronti perturbati che a ripetizione interessano il Mediterraneo centrale e l’Italia. L’estrazione artica dell’aria in arrivo permette temperature tali da consentire copiose cadute di neve sulle Alpi a quote superiori ai 1000-1200 metri. Lungo questo flusso perturbato è transitata la perturbazione che ci ha interessato nella giornata di venerdì 8, con fenomeni che si sono avvertiti soprattutto al Nord, lungo le regioni tirreniche e sulla Sardegna.

Nella giornata di sabato 9 permane al suo seguito una circolazione depressionaria con minimi su alto Tirreno ed alto Adriatico che consentiranno fenomeni di instabilità  più probabili sul Nord-Est, sulla Sardegna occidentale, sul basso versante tirrenico e localmente in Abruzzo.

Nella giornata di Domenica 10 lo spostamento verso il Mediterraneo centro-occidentale della depressione consentirà una maggiore probabilità di schiarite un po’ ovunque.

Ma attenzione che la nuova perturbazione attualmente sulla Francia tenderà a piombare sul Mediterraneo occidentale ed a rinvigorire la depressione esistente portando ad un nuovo peggioramento del tempo che partirà già da Domenica sulla Sardegna per estendersi lunedì al versante tirrenico, Sicilia e Calabria.

In particolare segnaliamo che la nuova perturbazione in arrivo potrebbe portare nella giornata di martedì 12 alla formazione di una profonda area depressionaria sul nostro Meridione, con intense precipitazioni e venti di burrasca; per questo vi rimandiamo ai nostri prossimi aggiornamenti.

Pubblichiamo a seguire la carta delle precipitazioni totali previste da sabato 9 a lunedì 11 compresi.

Precipitazioni totali previste da sabato 9 a lunedì 11 novembre compresi. Fonte: Modello WRF da Meteonetwork.it