Continua l’autunno!

Situazione barica al livello del mare prevista per le ore 12 di mercoledì 4 dicembre. Fonte: Wetterzentrale.de

L’analisi della carta del tempo in copertina delle ore 6 di martedì 3 dicembre, mostra l’alta pressione delle Azzorre in estensione sull’Europa centro-occidentale, che isola una depressione sull’entroterra algerino, la quale si spinge ad interessare anche il Mediterraneo occidentale ed a richiamare aria calda dall’Africa, che si va ad interfacciare con aria più fredda veicolata dall’anticiclone europeo, lungo una linea frontale estesa dalle Baleari alle coste della Dalmazia.

La parte ondulata ora sull’Adriatico è quella che ci ha interessato nella giornata di lunedì 2, mentre una nuova ondulazione è in sviluppo tra Baleari e Sardegna.

Nella seconda cartina riferita alle ore 12 di mercoledì 4 dicembre, vediamo che la perturbazione atlantica in avvicinamento alle coste occidentali europee tende a spingere verso levante la depressione mediterranea, che si avvicinerà quindi alla Sardegna ed al resto del Meridione.

Dopo un martedì 3 dicembre di pausa, salvo addensamenti nuvolosi medio-bassi specie su Sardegna e Piemonte orientale, regioni adriatiche e ioniche, con locali deboli precipitazioni, già dalle prime ore di mercoledì 4 un nuovo peggioramento coinvolgerà dapprima la Sardegna, specie centro-meridionale ed orientale, per poi estendersi giovedì 5 al resto del Meridione, specie regioni ioniche, luoghi dove le precipitazioni potranno essere localmente intense, altrove nuvolosità sparsa, più estesa sulle regioni adriatiche.

Per la possibile evoluzione successiva vi rimandiamo ai nostri prossimi aggiornamenti.