Anticiclone in…breve pausa?

Situazione barica al livello del mare prevista per le ore 00 di Domenica 26 gennaio. Fonte: Wetterzentrale.de

Come possiamo osservare dalla cartina di copertina, l’area anticiclonica che ci sta interessando subisce un’attenuazione per l’espansione verso levante dell’area depressionaria attualmente posizionata al largo delle coste del Portogallo.

Tale depressione, che ha insistito sul Mediterraneo occidentale dove ha provocato negli ultimi giorni fenomeni intensi soprattutto sulla costa orientale della Spagna e sulle Baleari, pur molto attenuata nella sua energia riuscirà comunque ad avvicinarsi all’Italia, limitando comunque i suoi effetti soprattutto alle regioni occidentali.

A partire dalla giornata di venerdì 24 la nuvolosità tenderà ad aumentare su Liguria, Toscana, Lazio, Sardegna dove già dalla serata si avranno precipitazioni, che saranno comunque più diffuse nella giornata di sabato 25, mentre Domenica 26 si assisterà ad una generale lenta attenuazione dei fenomeni.

I fenomeni saranno più significativi su Liguria, bassa Lombardia, alta Toscana e più localmente su Emilia, resto della Toscana, Lazio (specie costiero ove potranno esserci temporali), Umbria e Marche, Campania settentrionale; altrove poco o nulla da segnalare se non nuvolosità sparsa medio-alta.

Nevicate sulle Alpi occidentali e su Appennino tosco-emiliano al di sopra dei 1000 metri, localmente più in basso nel cuneese; tra sabato e Domenica localmente anche in Appennino centrale al di sopra dei 1500 metri.

Nella cartina a seguire le precipitazioni previste da venerdì 24 a Domenica 26.

Cosa è previsto a seguire? Tornerà di nuovo l’alta pressione o ci saranno novità? Seguiteci per questo nei nostri prossimi aggiornamenti!

Precipitazioni totali previste da venerdì 24 alle prime ore di Domenica 26. Fonte: Modello WRF da Meteonetwork.it