Il caldo può aspettare!

Una vasta area di alta pressione centrata sulle isole britanniche si estende su gran parte del continente europeo e più marginalmente fino al Mediterraneo, che rimane così esposto ad un flusso di correnti nord-orientali a tutte le quote.

In seno a questo flusso viaggiano diversi nuclei instabili che tendono ad interessare l’Italia mantenendo l’atmosfera instabile un po’ ovunque, con momenti in cui alla prevalenza di schiarite si alterneranno fenomeni anche temporaleschi a carattere sparso, con temperature che rimarranno nei valori medi del periodo, se non anche inferiori durante la notte ed al primo mattino nelle aree montuose e sulle regioni orientali.

Tale situazione è prevista permanere anche nei prossimi giorni e fino al fine-settimana (vedere cartina in basso), in quanto l’alta pressione sposterà il suo centro di azione sulla Scandinavia, facilitando ulteriormente il flusso nord-orientale a raggiungere il Mediterraneo centrale.

L’evoluzione del tempo vede una maggiore prevalenza delle schiarite mercoledì 27 e giovedì 28, con annuvolamenti e locali fenomeni sul Triveneto, Piemonte occidentale, Appennino centrale, Calabria e Sicilia orientale.

Venerdì 29 un impulso instabile porterà ad un peggioramento del tempo ad iniziare già dalla notte dal Triveneto, Lombardia orientale, Emilia orientale e Romagna, a seguire poi su Toscana, Umbria e Marche con frequenti rovesci anche temporaleschi; nel pomeriggio mentre si assisterà ad un miglioramento su Nord-Est e Marche, i fenomeni continueranno su Nord-Ovest e Toscana in estensione all’Appennino centro-meridionale con locali sconfinamenti sulle aree collinari e pianeggianti adiacenti.

Sabato 30 e Domenica 31 giornate generalmente soleggiate al mattino, con annuvolamenti pomeridiani e serali su Alpi, Nord-Est, Appennino, con rovesci a carattere sparso in locale sconfinamento verso le aree collinari e pianeggianti adiacenti.

Per ulteriori aggiornamenti vi rimandiamo ai nostri prossimi articoli.

Situazione barica al livello del mare prevista per le ore 12 di sabato 30 maggio. Fonte: Wetterzentrale.de