L’ECLISSE TOTALE DI LUNA DEL 27 LUGLIO

( 1 )
Scritto da Luciano Capeccioni

Nella serata di venerdì 27 luglio uno spettacolare fenomeno astronomico visibile da tutti! Da non perdere!

____________________________________________________________________________________________________________________________

Nelle ore che seguono il tramonto di venerdì 27 luglio la Luna raggiungerà la fase di “Luna Piena” e questo significa che si verrà a trovare esattamente dietro alla Terra rispetto al Sole, lungo una linea immaginaria che congiunge Sole, Terra e Luna; la Luna quindi sarà visibile per tutta la notte completamente illuminata dal Sole, opposta ad esso, sorgerà quindi al tramontare del Sole venerdì 27 sera e tramonterà al suo sorgere sabato 28 mattina.

In queste occasioni verrebbe da pensare che siccome si trovano lungo questa immaginaria retta, la Terra proietti ogni volta la sua ombra sulla Luna eclissandola, ma questo non avviene sempre, in quanto il piano dell’orbita della Terra e della Luna sono inclinati di 5° e quindi qualche volta la Luna passa leggermente sopra o leggermente sotto il cono d’ombra della Terra.

La sera del 27 luglio il cono d’ombra proiettato dalla Terra dietro di essa, incrocerà la Luna, che risulterà quindi oscurata; avremo quindi una Eclissi Totale di Luna.

Fig. 1 - come ci apparirà la Luna eclissata durante la totalità (tratto dalla rivista "Nuovo Orione" numero 280 di settembre 2015, rubrica "Osservazioni" di Walter Ferreri)

La fase di totalità sarà preceduta e seguita da fasi di penombra in cui l’ombra della Terra potrà essere osservata mentre avanza sulla superficie della Luna, iniziando dal bordo sinistro e lasciandola dal bordo destro; durante questa fase dalla superficie della Luna l’eclisse apparirà parziale (esempio di Fig.2).

La fase di totalità durerà circa 1 ora e tre quarti e questo sarà il momento di massimo oscuramento della Luna, che però rimarrà visibile ai nostri occhi con un colore rossastro (Fig.1), dovuto alla riflessione degli strati superiori della nostra atmosfera, che ad un ipotetico osservatore sulla superficie lunare, apparirà come un anello rossastro attorno al disco nerissimo della Terra, che sta oscurando il Sole (Fig.2); quanto più la nostra atmosfera sarà limpida tanto più forte sarà la tonalità di rosso che assumerà la Luna, viceversa la Luna apparirà di un rosso molto scuro. Considerando comunque che l'ombra della Terra transiterà centralmente al nostro satellite naturale (vedere Figura 3) potrebbe accadere che l'oscuramento della Luna durante la totalità sia maggiore al punto da renderla quasi invisibile ai nostri occhi! Staremo a vedere cosa accadrà la sera del 27 luglio.

Fig.2 – come appare l’Eclisse vista dalla Luna nel suo momento di parzialità; è visibile la cornice atmosferica che circonda la Terra, che appare come un disco nerissimo, che è quella che produce la luce rossastra della Luna eclissata (tratto dalla rivista "Nuovo Orione" numero 280 di settembre 2015, rubrica "Osservazioni" di Walter Ferreri)

 

Questa eclisse sarà visibile allo stesso modo da ogni punto della superficie lunare rivolta verso la Terra, in quanto le dimensioni del nostro pianeta sono ben maggiori di quelle lunari, diversamente da quanto accade nelle eclissi di Sole, in cui l’ombra della Luna interessa solo una ristretta fascia della superficie terrestre, viste le dimensioni minori del nostro satellite naturale.

Di seguito riportiamo i tempi esatti dell’eclisse (vedere figura 3 - tratta dalla rivista "Nuovo Orione" numero 314 di luglio 2018, rubrica "Osservazioni" di Walter Ferreri)

-  Primo contatto di penombra: ore 19:14 (praticamente invisibile ad occhio nudo, con il passare dei minuti si noterà una specie di nebbia fuligginosa nella parte sinistra della Luna)

-  Primo contatto d’ombra: ore 20:24 (è oscurata la parte sinistra della Luna)

-  Totalità: inizio ore 21:30 – massima  ore 22:22 – fine ore 23:13 (la Luna appare oscurata e di tonalità rossastra)

-  Ultimo contatto d’ombra: ore 00:19 (è oscurata la parte destra della Luna)

-  Ultimo contatto di penombra: ore 01:29

 EclisseLuna2018

Considerando gli orari dell’eclisse la Luna sorgerà già in parte eclissata e quindi per vederla occorrerà posizionarsi ove l’orizzonte sud-est sia visibile e libero da ostacoli.

L’eclisse sarà osservabile liberamente ad occhio nudo senza problemi, apparirà più ricca di dettagli con un binocolo od un telescopio a bassi ingrandimenti; consideriamo che durante una eclisse di questo tipo la luce riflessa dalla Luna diminuisce di 1/10000.

Importante curiosità da considerare: questa eclisse totale di Luna avviene nello stesso giorno della Grande Opposizione di Marte, ovvero nel momento in cui il Pianeta Rosso si trova dietro alla Luna in fase "piena" e quindi come questa osservabile per tutta la notte e allo stesso tempo nel suo punto dell'orbita più vicino alla Terra: Marte apparirà quindi più grande e completamente illuminato dal Sole; con un binocolo ne potremo apprezzare la sua sfericità e con un medio telescopio scorgerne anche particolari sulla sua superficie comprese le calotte polari ghiacciate. Saranno osservabili anche Giove con i suoi satelliti "galileiani" e Saturno con i suoi anelli: in entrambi i casi sarà sufficiente l'uso di un piccolo telescopio. La posizione dei pianeti e delle costellazioni osservabili è riportata in Figura 4. 

Perseus27lug22paint

Fig.4 – come appare il cielo visibile durante l’Eclisse da destra (ovest) verso sinistra (est): a sud-ovest basso nel cielo Giove nella Bilancia,  a sud la rossa Antares stella più luminosa dello Scorpione e Saturno nel Sagittario, a sud-est nel Capricorno la Luna eclissata e subito sotto Marte luminosissimo (ricostruzione eseguita con il Software Perseus, elaborazione grafica a cura di Meteoreport.net)

Non ci rimane che augurare ai nostri lettori che il cielo sia per tutti sgombro di nubi!

Luciano Capeccioni.