Il ritorno dell'alta pressione!

( 0 )
Scritto da Luciano Capeccioni

colata artica a est, vasta depressione a ovest

MA sarà l'alta pressione a vincere !

Fino a martedì insiste la nuvolosità sullo Stivale, soprattutto al Nord, isole maggiori e versante adriatico, con precipitazioni sparse; graduale miglioramento generalizzato a seguire. Quanto durerà? L'inverno avrà ancora qualcosa da dire? Le prime anticipazioni nell'editoriale di oggi! << DOLOMITI DAL CIELO, FOTOGRAFIE AEREE DA SOGNO! >>

AvernoDalla neve al mare, dal Nord al Sud: splendida giornata di sole sabato mattina sul Golfo di Napoli, in primo piano il lago di Averno, sullo sfondo il Castello di Baia e Capo Miseno. Foto di Stefania Liberati "© Tutti i diritti riservati "
              

CALENDARIO

13/02/2017, si ricordano le Sante Fosca e Maura, martiri - La storia, secondo gli agiografi, va collocata durante la persecuzione di Decio, nel III secolo. Secondo la narrazione di un'antica «passio», la giovane Fosca, figlia di genitori pagani di Ravenna, a quindici anni confidò alla nutrice Maura il desiderio di divenire cristiana. Insieme si recarono dal sacerdote Ermolao che le educò alla fede e le battezzò. A nulla valsero i tentativi del padre di far recedere la figlia da questo passo. Fosca fu denunciata al prefetto Quinziano, ma gli uomini inviati ad arrestarla la trovarono con un angelo e non riuscirono nel loro intento. Quindi Fosca e Maura, presentatesi spontaneamente a Quinziano, vennero processate, crudelmente torturate e infine decapitate il 13 febbraio. I loro corpi furono gettati in mare o, secondo altre versioni, rapiti da marinai e trasportati in Tripolitania dove ebbero sepoltura nelle grotte presso Sabratha (oggi Saqratha). Molti anni più tardi, occupata la regione dagli Arabi, un cristiano di nome Vitale per divina ispirazione riportò le reliquie in Italia, nell'isola di Torcello, nella laguna veneta, dove venne eretta una chiesa in onore delle due martiri(da: santiebeati.it).

ACCADDE OGGI

2001Un terremoto di magnitudo 6,6 della Scala Richter colpisce El Salvador (già colpito il 13 gennaio da un altro di magnitudo 7,6). Almeno 400 le vittime.

 

QUADRO METEOROLOGICO ATTUALE

z850feb14paint00Analisi del modello GFS alla quota di 850hPa (circa 1500 metri) prevista per la mezzanotte di martedì 14 febbraio; con la grafica è rappresentata la tendenza a breve termine, con l'avvicinamento dell'alta pressione europea al Mediterraneo. Fonte: www.meteogiornale.it, elaborazione Meteoreport.net

L'anticiclone, posizionato attualmente sul Sud della Scandinavia, rimarrà stazionario fino a martedì governando da lì la circolazione atmosferica europea; con una sua propaggine meridionale va a collegarsi con il "collega" africano, isolando a ovest una vasta depressone attualmente sulle coste della Galizia, così come evidenziato nella cartina sopra riportata, e a est una colata artica, sull'Europa Orientale.

L'alta pressione tenderà successivamente a portare i suoi massimi verso sud-est interessando con maggiore decisione il Mediterraneo Centrale e il nostro Stivale; la depressione atlantica a ovest non riuscirà quindi a coinvolgerci, limitando la sua azione alle nostre regioni più occidentali; stessa sorte toccherà all'aria artica a est, che tenderà a sfilare verso il Mediterraneo Orientale.

Fino a martedì quindi le nostre regioni più occidentali saranno interessate dalla depressione atlantica, mentre le nostre regioni orientali saranno marginalmente coinvolte dall'aria artica balcanica, con valori termici più bassi rispetto al resto del nostro Paese; e nei giorni a seguire? Alta pressione in arrivo!

PREVISIONE PER I PROSSIMI GIORNI

LUNEDì 13/02/2017 — Nuvolosità più estesa al Nord, Emilia, Marche, Sardegna e Sicilia Orientale, con deboli piogge sparse e nevicate oltre gli 800-1000 metri sul Nord-Ovest; generalmente nuvoloso altrove, con maggiori schiarite sul versante tirrenico; deboli piogge saranno possibili dal pomeriggio-sera anche sul medio-basso versante adriatico e regioni ioniche. Temperatura generalmente stazionaria. Venti orientali su Mar Ligure a alto Adriatico, di scirocco sui bacini occidentali, con rinforzi sul Canale di Sardegna e di Sicilia.

MARTEDÌ 14/02/2017 Nuvolosità più estesa al Nord Ovest, regioni adriatiche, isole maggiori, con piogge sparse, più consistenti sulla Sardegna Orientale; nevicate oltre gli 800-1000 metri sul Nord-Ovest; maggiori schiarite sul Nord-Est e versante tirrenico; tendenza a generale miglioramento dalla serata sulle regioni peninsulari. Temperatura in lieve diminuzione su Nord-Ovest e regioni adriatiche, stazionaria altrove. Venti orientali con rinforzi su Mar Ligure, Canale di Sardegna e di Sicilia.

 

LINEA DI TENDENZA

Mercoledì ancora nubi e precipitazioni su Sardegna e Sicilia Orientale, qui localmente anche più intense; miglioramento generale altrove, che si estenderà a tutto il nostro Paese nei giorni successivi. Probabile cambiamento nel prossimo fine settimana, ma da confermare!

 

LA PAROLA AL PREVISORE

<< Da quando è iniziato il 2017 non abbiamo più avuto uno stabile dominio anticiclonico in Italia, lasciando quindi che il tempo abbia assunto tutta la sua più viva dinamicità con gli effetti che tutti abbiamo vissuto; questa settimana invece pare che una vasta area di alta pressione voglia tornare a trovarci e a stabilirsi in Europa e sul Mediterraneo, rispedendo al mittente i tentativi dell'inverno, sia da ovest che da est, pronti per venirci a trovare; subito il pensiero va sul "quanto durerà", "ci saranno ancora occasioni per episodi invernali"; probabilmente per una decina di giorni la situazione si stabilizzerà, occorrerà monitorare ogni mossa dell'anticiclone, a partire dal fatto che già dal prossimo fine settimana si intravvede un primo debole cedimento, ma naturalmente tutto da confermare! Un periodo di calma atmosferica avrà l'aspetto positivo di aiutare tutte le zone interessate dagli episodi di maltempo di gennaio al ritorno alla piena normalità e alla popolazioni che vivono nelle aree interessate dai terremoti a limitarne i disagi; per tutti gli altri possiamo anche accontentarci! >>