Anticiclone Superstar!

( 1 )
Scritto da Stefano Starace

Ma nel weekend una veloce perturbazione attraversera' lo stivale

Un impulso freddo dal Nord Europa interromperà l'egida altopressoria a partire dalla serata con le prime piogge al Nord-Est e su alta Toscana. Il maltempo sarà però molto effimero: domani giusto qualche pioggia al Centro-Sud con fiocchi in Appennino, poi da domenica la stabilità atmosferica salirà nuovamente in cattedra con l'intenzione di restarci per almeno altri 3-4 giorni.

immaginepp17febbraioPanorami splendidi in Val di Sole (TN) dopo le nevicate della settimana scorsa - foto scattata da Elisa Lorenzi pubblicata dalla pagina facebook "Val di Sole"

CALENDARIO

Oggi, 17 febbraio, si celebra la ricorrenza dei Sette fondatori dell'Ordine dei Servi della Beata Vergine Maria.

 

ACCADDE OGGI

Il 17 febbraio 1980, la più alta vetta della Terra (Monte Everest 8848 m) viene per la prima volta conquistata durante l'Inverno, ben 27 anni dopo la prima ascensione in assoluto portata a termine dalla coppia Hillary-Norgay. L'impresa fu realizzata dai polacchi Krzysztof Wielicki e Laszek Cichy che scelsero la via per il Colle Sud e la cresta sud-est. La spedizione era guidata da Andrej Zawada. L'Everest divenne, grazie a questa spedizione, il primo ottomila ad essere scalato d'inverno.

 

QUADRO METEOROLOGICO ATTUALE

L'Anticiclone delle Azzorre è sempre protagonista della scena sul comparto centro-occidentale europeo. Un suo leggero spostamento verso la Gran Bretagna consente tuttavia a un pacchetto di aria fredda di raggiungere il Belpaese. L'impulso perturbato avrà comunque effetti molto rapidi talché il peggioramento sarà tangibile solo su alcune regioni italiane (Marche, Umbria, Abruzzo e Molise) mentre altrove si rivelerà piuttosto effimero e avaro di precipitazioni. Nord-Ovest e Sardegna neanche si accorregarnno del passaggio perturbato se non sperimentando un po' di vento e un lieve calo (nell'Isola) dei valori termici. Entro domenica comunque il sole tornerà su tutto lo Stivale.

 

PREVISIONE PER I PROSSIMI GIORNI

oggi, venerdì 17 febbraio — Bello ovunque fino al primo pomeriggio quando la perturbazione si affaccerà sulle regioni nord-orientali portando le prime piogge. Fenomeni sparsi comunque, e che solo localmente potranno assumere carattere di intensità moderata/forte. In serata/nottata coinvolte anche Umbria e Marche con neve in Appennino oltre i 1000-1200 metri. Temperature in lieve diminuzione.

domani, sabato 18 febbraio — Discreto al Nord ad eccezione di qualche fiocco sulle Alpi confinali orientali. Sereno su Liguria, alta Toscana e Sardegna. Nubi altrove con piogge più probabili sulle zone interne e adriatiche del Centro, con neve in Appennino oltre i 1200 metri. Variabile al Sud con piovaschi sparsi sulla Puglia, meglio sulla Sicilia. Migliora dalla serata al Centro.

 

LINEA DI TENDENZA

Domenica 19 — Torna il bel tempo quasi ovunque grazie all'alta pressione. Residui disturbi sull'estremo Sud. Qualche nube al mattino tra Abruzzo e Molise.

SETTIMANA A SEGUIRE — Fino a mercoledì-giovedì nessun cambiamento: sempre tempo stabile grazie all'Anticiclone. A seguire possibile perturbazione da nord-ovest (da confermare).

 

LA PAROLA AL PREVISORE

Sembra proprio che la strada verso la Primavera sia del tutto spianata. Se infatti è vero che l'alta pressione potrebbe essere minata da qualche peggioramento fugace che ci farà riassaporare condizioni meteo simil-invernali, è anche vero che l'assetto circolatorio a scala emisferica è piuttosto consolidato in un assetto che lascia scarse possibilità di recrudescenze invernali importanti nell'area mediterranea. Questo, il 17 febbraio, lascia spazio a pochi dubbi: l'inverno 2016-2017 non vivrà altre ondate di freddo rilevanti e si avvia verso una conclusione generalmente mite e con scarse precipitazioni, in linea col resto della stagione ad eccezione dei primi 20 giorni di gennaio.

Tutto ciò però (lo ripetiamo) non vuol dire che non ci portanno essere a marzo o aprile fasi anche molto fredde e perturbate, tuttavia saranno da inquadrare nell'ambito della nuova stagione primaverile che inizia proprio il 1 marzo. Ricordiamo infatti che sono proprio i due mesi succitati quelli in cui è normale che si realizzino le più ampie escursioni termiche. Per fare un esempio: a Roma in passato è accaduto in Aprile che si siano toccate temperature vicine allo zero ma anche prossime ai 30°C! Di fatto è l'unico mese dell'anno (fa eccezione Ottobre, ma è molto più raro) in cui può succedere.