Il cuore bollente dell'estate!

( 1 )
Scritto da Luciano Capeccioni

FASE MOLTO CALDA IN ATTO...

SOLE INCONTRASTATO SULLO STIVALE!

Il periodo statisticamente più caldo dell'estate non tradisce le sue aspettative, anzi rilancia con temperature molto elevate già in atto su tutto il territorio italiano. Quali saranno le aree più interessate dall'onda di calore e quanto durerà? Andiamolo a scoprire nella prima pagina di oggi! >>

Groenlandia31luglioTemperature sopra lo zero in Groenlandia nella giornata di lunedì 31 luglio; la zona del Freya Gletscher nella costa orientale centrale, mostra in questo periodo diverse aree libere dalla neve; attualmente nella zona la temperatura a 1500 metri di altezza oscilla tra 0° e 5°C. Fonte: foto-webcam.eu

ACCADDE OGGI

1 agosto 2003: la famosa estate bollente di 14 anni fa si presenta il primo agosto con una profonda depressione a sud dell'Islanda che determina il richiamo di una estesa area anticiclonica fino a latitudini scandinave; le temperature sullo Stivale non sono al momento eccessivamente elevate, ma a distanza di pochi giorni la suddetta depressione innalzerà un picco anticiclonico su tutta l'Europa occidentale provocando la forte e tragica ondata di caldo per la Spagna, la Francia e l'Inghilterra meridionale.

QUADRO METEOROLOGICO ATTUALE

850hPa02ago1800Situazione prevista a 850 hPa (circa 1500 metri di quota) alle ore 18 di mercoledì 2 agosto. Fonte: www.wetterzentrale.de

Lunedì 31 luglio - è in atto l'onda di calore di origine africana; questi alcuni valori di temperatura e umidità registrati oggi nel primo pomeriggio: Capo Frasca in Sardegna (a sud di Oristano): 40°C, 25% Ur; Ferrara: 36°C, 52% Ur; Guidonia (RM): 39°C, 26% Ur; Grottaglie (TA): 38°C, 23% Ur (Fonte: www.MeteoAm.it). Sole incontrastato ovunque, ma nel pomeriggio sul massiccio del Velino-Sirente, sui Monti Marsicani fino agli Ernici il forte riscaldamento del suolo ha permesso alle termiche di vincere la resistenza anticiclonica portando alla formazione di isolati, ma intensi temporali, già spentisi in serata.  

Situazione barica: la cartina sopra riportata relativa alla quota isobarica di 850 hPa mette in evidenza una vasta depressione centrata a ovest dell'Irlanda, che estendendosi verso sud fino al largo del Portogallo favorisce un richiamo di aria calda continentale dal Nord Africa sul Mediterraneo centro-occidentale; l'anticiclone delle Azzorre si estende senza soluzione di continuità dall'Atlantico all'Europa orientale passando dal Mediterraneo.

Le aree dove l'aria calda africana si farà sentire sono quelle delimitate dall'isoterma +20°C a 1500 metri, con temperature al suolo fino a 35°C, che abbraccia l'intero territorio italiano, mentre il Centro e la Sardegna saranno interessate dalla +25°C, con temperature al suolo fino a 40°C; le aree abbracciate da queste isoterme sono ben evidenziate nella cartina dai colori rosa e fucsia.

 T2m02ago1500Temperature previste a 2 metri di altezza dal suolo alle ore 15 di mercoledì 2 agosto. Fonte: www.meteogiornale.it

Cosa si prevede per i prossimi giorni: la cartina sopra riportata mette in evidenza la distribuzione areale delle temperature massime previste nella giornata di mercoledì 2 agosto; i picchi di calore si avranno nella Pianura Padana centro-orientale, qui con valori previsti fino a 40°C, nelle zone interne collinari e sulla Sardegna.

Attenzione al fatto che questa situazione rimarrà stazionaria fino ai primi giorni della prossima settimana, prolungando fino ad allora gli effetti dell'onda di calore; qualcosa comincerà a cambiare da martedì 8 agosto, quando la depressione atlantica riuscirà a spingere verso sud l'aria africana e a riportare le temperature ai valori tipici della stagione. Vi invitiamo a seguire i nostri prossimi aggiornamenti, on-line nella giornata di giovedì 3 agosto. Rimanete con noi!

LA PAROLA AL PREVISORE

<< L'onda di calore che sta iniziando a interessarci sarà non solo la più intensa fino ad ora di questa estate, ma anche la più lunga, tanto che le carte previste non vedono via di uscita fino ai primi giorni della prossima settimana; un'onda di calore che vede interessati i paesi che si affacciano sul Mediterraneo, con i maggiori effetti che si avranno proprio sull'Italia, con temperature che di giorno raggiungeranno i valori più elevati sulle zone pianeggianti e collinari più lontane dal mare, mentre sulle coste le temperature saranno più gradevoli grazie all'azione mitigatrice delle brezze; all'inizio la calura sarà mitigata negli effetti sul nostro corpo dal basso valore di umidità, ma con il passare dei giorni e soprattutto nelle ore notturne anche il valore di umidità tenderà a crescere e ad aumentare la sensazione di afa. Al di là delle doverose segnalazioni su dove il caldo sortirà i maggiori effetti, volevo segnalare all'opposto come la situazione meteorologica sull'Europa occidentale e settentrionale sia dominata dall'azione di perturbazioni atlantiche molto attive, ben evidenziato questo dalla cartina sopra pubblicata, dove le temperature si mantengono sotto i 25°C e le precipitazioni non si fanno attendere; questo a sottolineare come in quelle zone l'estate 2017 abbia mostrato il volto fresco e umido, limitando di fatto le fasi calde solo alle regioni più meridionali! >> 

 

PREVISIONE PER I PROSSIMI GIORNI e linea di tendenza A CURA DELL'AERONAUTICA MILITARE:

OGGIDOMANI, MEDIO TERMINE, LUNGO TERMINE, CONDIZIONI MARINE

PRINCIPALI SERVIZI METEOROLOGICI E CLIMATOLOGICI REGIONALI PUBBLICI:

TrentoBolzanoValle d'AostaFriuli-Venezia GiuliaLombardiaPiemonteLiguriaEmilia-RomagnaToscanaMarcheUmbriaAbruzzoLazioMoliseCampaniaPugliaBasilicataCalabria, SiciliaSardegna.