Arriva la rinfrescata!

( 2 )
Scritto da Luciano Capeccioni

onda di calore in graduale declino...

e presto sarà di nuovo estate mediterranea!

L'intensa onda di calore proveniente dall'Africa che ci sta interessando dall'inizio di agosto e che ha tenuto banco nelle cronache e messo a dura prova il nostro fisico, ci sta gradualmente lasciando! Quali saranno quindi le regioni che ne usciranno prima e quali le differenze di temperatura rispetto ai valori attuali? Andiamolo a scoprire nella prima pagina di oggi! >> 21 agosto: eclisse totale di Sole >>

HighlandsMentre il Mediterraneo è preda di una intensa ondata di caldo in Europa settentrionale la stagione estiva mostra il suo volto fresco e dinamico; Loch Ewe presso Wester Ross nelle Highlands, nord-ovest della Scozia, unisce la bellezza del paesaggio alla gradevolezza del clima oceanico. Foto di Nicoletta Lucariello "© Tutti i diritti riservati"

ACCADDE OGGI

 7 agosto 2003: la famosa estate bollente di 14 anni fa si presenta con una profonda depressione a sud-ovest dell'Islanda che determina il richiamo di una estesa area anticiclonica fino a latitudini scandinave; l'isoterma + 25°C a 1500 metri di altezza raggiunge l'Inghilterra meridionale, abbraccia la Francia e la Spagna, determinando temperature massime al suolo sulla media dei 40°C, valori localmente ulteriormente esaltati dalla continentalità del clima nelle estese aree interne più lontane dal mare; le conseguenze sono state tragiche in termini di vittime umane di cui a suo tempo la cronaca ha ampiamente parlato.

QUADRO METEOROLOGICO ATTUALE

T2mVariazioneVariazione della temperatura previste a 2 metri di altezza dal suolo da lunedì 7 a venerdì 11 agosto. Fonte: www.meteogiornale.it

Situazione barica: una estesa area depressionaria sull'Atlantico settentrionale presenta diversi minimi di pressione, dei quali il più meridionale si trova sulla Scozia; da questa depressione una saccatura si spinge verso sud fino a lambire le coste occidentali del Portogallo; tale configurazione favorisce l'instaurarsi di correnti sud occidentali sul Mediterraneo ove convogliano a tutte le quote aria calda di origine africana, responsabile dell'onda di calore e delle temperature ancora elevate che si registrano oggi al Sud, Sardegna e medio Tirreno. Questa saccatura tenderà gradualmente a muoversi verso est anche se attenuandosi nella sua energia, quanto basta per porre fine entro venerdì all'onda di calore su tutto lo Stivale.

La cartina sopra riportata mostra la differenza delle temperature a 2 metri di altezza dal suolo (punto di misurazione standard) tra lunedì 7 agosto (oggi) e venerdì 11; le differenze maggiori saranno di 10-12 gradi su Sardegna e medio Tirreno, le aree maggiormente interessate dalle temperature elevate di questi giorni; diminuzione notevoli interesseranno anche tutto l'arco alpino, mentre le coste adriatiche, ancora in attesa, saranno raggiunte dal calo termico nella giornata di sabato 12 agosto. Ci saranno anche dei fenomeni intensi in quanto la massa d'aria in arrivo è termicamente molto differente di quella preesistente e questo porterà alla formazione di locali, ma intensi temporali; le aree più interessate saranno le Alpi e le zone pianeggianti del Nord, mentre il resto d'Italia, soprattutto il Centro, vedrà la formazione di temporali perlopiù pomeridiani sulle zone appenniniche che localmente potranno spingersi verso le aree collinari e costiere limitrofe, ma che comunque saranno di intensità più modesta.

Cosa si prevede per il periodo a seguire? Le carte previsionali vedono il ritorno di condizioni anticicloniche, ma con valori di temperatura consoni con quelli previsti nel Mediterraneo in questo periodo dell'estate. Maggiori informazioni nel nostro prossimo aggiornamento, on-line nella giornata di giovedì 10 agosto. Rimanete con noi!

LA PAROLA AL PREVISORE

<< Il previsore questa volta non intende aggiungere altro relativamente all'ondata di caldo che ci sta ancora interessando, di cui hanno ampiamente parlato la cronaca e i dati registrati dalle stazioni meteo, che hanno visto in alcune località superare record di temperatura precedentemente raggiunti; solo un aspetto magari da sottolineare, ovvero il fatto che almeno nei primi giorni le elevate temperature sono state generalmente accompagnate da bassissimi valori di umidità, fattore che ci ha consentito di sopportare meglio un disagio, che altrimenti si sarebbe potuto rivelare critico se non pericoloso per la nostra salute, soprattutto per le persone anziane.

Volevo chiudere questo editoriale segnalandovi anche due eventi astronomici:

questa sera (lunedì) la Luna sorgerà parzialmente oscurata nel suo bordo in basso a destra per una eclissi parziale che la interesserà; il fenomeno sarà maggiormente osservabile al Meridione dove il sole tramonta prima che al Nord.

Il prossimo 21 agosto invece si verificherà una eclissi totale di sole, sicuramente un evento naturale tra i più affascinanti al quale possano assistere gli abitanti della Terra, che sarà osservabile dagli Stati Uniti; un'approfondita descrizione dell'evento astronomico è riportata nell'articolo allegato all'inizio di questo editoriale. >> 

 

PREVISIONE PER I PROSSIMI GIORNI e linea di tendenza A CURA DELL'AERONAUTICA MILITARE:

OGGIDOMANI, MEDIO TERMINE, LUNGO TERMINE, CONDIZIONI MARINE

PRINCIPALI SERVIZI METEOROLOGICI E CLIMATOLOGICI REGIONALI PUBBLICI:

TrentoBolzanoValle d'AostaFriuli-Venezia GiuliaLombardiaPiemonteLiguriaEmilia-RomagnaToscanaMarcheUmbriaAbruzzoLazioMoliseCampaniaPugliaBasilicataCalabria, SiciliaSardegna.