Graduale affermazione anticiclonica: via via più mite a partire da mercoledì!

( 2 )
Scritto da Stefano Bartozzi

AFFERMAZIONE DELLE OTTOBRATE DOPO I DISTURBI DEL VENERDì E DEL SABATO!

Dopo la tempesta del venerdì e del sabato, (soprattutto vento) la domenica è trascorsa tranquilla, il vento si è calmato e il sole non si è fatto pregare. Piuttosto freddo durante la notte e il primo mattino, più mite poi nelle ore centrali del giorno; qualche nube in più solo sulle nostre estreme regioni meridionali e la Sicilia, le ultime ad essere interessate dal veloce passaggio perturbato.

Splendida foto di Elena Salvai che parla da sola! L'Autunno con tutti i suoi meravigliosi colori. Tutti i diritti riservatiSplendida foto di Elena Salvai che parla da sola! L'Autunno con tutti i suoi meravigliosi colori. Tutti i diritti riservati

CALENDARIO

Oggi, 09/10/2017, Si venera: San Dionigi e compagni

 

ACCADDE OGGI

Il 09/10/ 1963, Una frana precipita nel bacino idroelettrico del Vajont. Ne  fuoriescono cinquanta milioni di metri cubi d'acqua che si abbattono su Longarone e altri piccoli centri. Gravissimo il bilancio con oltre 1900 vittime.

 

QUADRO METEOROLOGICO ATTUALE

Esaurita la breve fase fredda che ha interessato l'Italia tra venerdì e sabato. Resta un'estrema variabilità tra oggi e domani per aria piuttosto fredda presente in quota. Non si escludono rovesci a macchia di leopardo a spasso sullo Stivale, soprattutto al Sud e in particolar modo sulla Calabria.

Tuttavia la pressione tenderà ad aumentare, anche in modo vistoso a partire da mercoledì; un accellerazione del getto, con artefice una forte depressione d'Islanda spalmerà l'anticiclone delle Azzorre sul Mediterraneo centrale. Con quali conseguenze? Quella più importante sarà l'assenza di precipitazioni, e visto che il deficit idrico su molte regioni è ancora in credito ci auguriamo che questa situazione non si prolunghi per molti giorni.

In più cominceranno a manifestarsi le nebbie e le foschie in Val Padana, ma anche nelle zone di pianura del Centro; le ore di luce diminuiscono con il passare dei giorni e sempre più probabili saranno durante la notte e le prime ore del giorno. 

 

PREVISIONE PER I PROSSIMI GIORNI

oggi, 09/10/2017 — Nord: Perlopiù stabile e soleggiato su tutti i settori, qualche passaggio nuvoloso non si esclude in giornata sul Triveneto. Centro e Sardegna: in genere quasi sereno su tutti i settori, in giornata passaggi nuvolosi sull'Isola e lungo il versante tirrenico dove non si esclude anche qualche piovasco. Sud e Sicilia: in genere molto nuvoloso con possibili piogge, specie sulla Campania meridionale, Calabria e Sicilia settentrionale dove potrebbero manifestarsi nel corso della giornata anche locali temporali; nubi ma con fenomeni circoscritti sui restanti settori peninsulari e della Sicilia.

 

domani, 10/10/2017 — Nord: Generalmente poco nuvoloso, addensamenti possibili sul settore orientale dove non si esclude qualche debole pioggia in attenuazione in serata. Centro e Sardegna: in genere nuvoloso, con possibilità di locali e deboli piovaschi sparsi e tendenza a miglioramento. Sud e Sicilia: nuvoloso o molto nuvoloso, specie lungo il versante tirrenico e la Sicilia settentrionale dove saranno possibili locali rovesci o temporali, nuvoloso sui restanti settori. Tendenza ad attenuazione dei fenomeni.

 

LINEA DI TENDENZA

Da mercoledì a domenica — Sempre più stabile e soleggiato con temperature in aumento nelle ore centrali del giorno. Intensificazione di nebbie e foschia durante la notte e le prime ore del giorno, prestare attenzione.

 

SETTIMANA A SEGUIRE — Almeno sino al mercoledì della prossima settimana non si notano cambiamenti della situazione prevista. Forse un peggioramento per una perturbazione atlantica da giovedì, ma avremo modo di confermarlo o meno nei prossimi editoriali.

 

LA PAROLA AL PREVISORE

«Ritorno al futuro? No! Ritorno al passato, ovvero con l'alta pressione. Ma niente paura, niente ritorno del caldo, anzi! La notte farà freddino per l'inversione termica e il ritorno di nebbie e foschie. Se a qualcuno è venuto in mente che il clima di una volta non c'è più ha la memoria corta, ovvero le famose ottobrate ci sono sempre state e non sono una novità.

Bisogna riflettere, mettendo a fuoco il tipo di tempo che il mese di settembre appena passato ci ha mostrato. Un volto diverso da come ci aveva abituato negli ultimi anni, tutt'altro che estivo! Anche ottobre ha esordito con un affondo freddo, anche se molto veloce. Ora la natura si prende una pausa riproponendo un tipo di tempo più stabile, almeno una settimana di sole e calma piatta secondo gli elaboratori fisico matematici è quasi assicurata.

Per un cambiamento si dovrà aspettare perlomeno la metà della prossima settimana, forse una perturbazione di origine atlantica potrebbe riuscire a forzare il blocco, ma è veramente troppo presto per poterlo dire con sicurezza, per ora dedichiamoci ad attività all'aria aperta e soprattutto puliamo i tombini, draghiamo per bene i corsi d'acqua, non aspettiamo che l'Autunno faccia la voce grossa presentandosi all'uscio di casa con tutto il carico dei nubifragi, con tutte le conseguenze penose a cui tristemente siamo abituati ogni volta che piove, in soldoni non culliamoci sugli allori. Restate con noi.

PREVISIONE PER I PROSSIMI GIORNI E LINEA DI TENDENZA A CURA DELL'AERONAUTICA MILITARE:

OGGIDOMANI, MEDIO TERMINE, LUNGO TERMINE, CONDIZIONI MARINE

PRINCIPALI SERVIZI METEOROLOGICI E CLIMATOLOGICI REGIONALI PUBBLICI:

TrentoBolzanoValle d'AostaFriuli-Venezia GiuliaLombardiaPiemonteLiguriaEmilia-RomagnaToscanaMarcheUmbriaAbruzzoLazioMoliseCampaniaPugliaBasilicataCalabria,SiciliaSardegna.

 

 

 

 

 

».