Estate gradevole in questo suo esordio. Durerà?

( 1 )
Scritto da Stefano Bartozzi

Violento nubifragio colpisce Lanciano(ch) in abruzzo!

Puntualmente l'aria più fredda in discesa dal nord Europa ha raggiunto le nostre regioni. Gli effetti più vistosi in termini di forti temporali, sono stati avvertiti sulle nostre regioni orientali, Lanciano in Abruzzo ha fatto i conti con un nubifragio che ha fatto saltare i tombini ed allagato gran parte della città, gravi i danni! Mentre dall'altra parte dell'Appennino, a parte qualche nube non ci sono stati fenomeni di rilievo se non un rinforzo del vento.

Lanciano allagata da un violentissimo temporale, l'intensità della pioggia ha fatto saltare i tombini che non hanno retto la furia dell'acqua. Fonte foto: Severe Weather Europe da Davide Rosato. Lanciano allagata da un violentissimo temporale, l'intensità della pioggia ha fatto saltare i tombini che non hanno retto la furia dell'acqua. Fonte foto: Severe Weather Europe da Davide Rosato.

 

 QUADRO METEOROLOGICO ATTUALE

Alta pressione sbilanciata a nord, con perno sull'Inghilterra, invita masse di aria più fresche ed instabili a scivolare lungo il suo fianco orientale a più impulsi. Uno di questi, ieri, ha raggiunto il nostro versante adriatico, innescando diversi rovesci e temporali, qualcuno anche violento come a Lanciano(CH). Almeno fino a venerdì prossimo risentiremo di questa circolazione più fresca, soprattutto in quota. Nel pomeriggio l'azione del sole favorirà lo sviluppo di nubi a sviluppo verticale con possibili rovesci o temporali, specie in Appennino.

 

PREVISIONE PER I PROSSIMI GIORNI

oggi, 23/06/2018 — Nord: in genere nuvoloso, addensamenti sul Piemonte con possibili rovesci fino a sera, tendenza a generale miglioramento. e Centro e Sardegna: generali condizioni di variabilità con annuvolamenti e schiarite, addensamenti possibili sulle zone interne appenniniche con locali rovesci, peggioramento sulla Sardegna e basso Lazio nel tardo pomeriggio con rovesci e temporali. Sud e Sicilia: molto nuvoloso con rovesci e temporali, inizialmente sul Molise e la Campania in trasferimento sulla Calabria, Puglia Basilicata e la Sicilia.

domani, 24/06/2018 — Nord: generalmente poco nuvoloso al mattino, nel pomeriggio aumento delle nubi in prossimità di Alpi e Prealpi con possibili locali rovesci o temporali fino a sera. Centro e Sardegna: iniziali condizioni di cielo quasi sereno, nel corso della mattinata aumento della nuvolosità medio-alta, sulla Sardegna saranno ancora possibili nel pomeriggio rovesci e temporali, specie sul settore centro-meridionale dell'Isola. Sud e Sicilia: ancora maltempo sulla Calabria e sulla Sicilia con rovesci e temporali, poco nuvoloso sul resto del settore peninsulare con i soliti annuvolamenti cumuliformi pomeridiani.

 

LINEA DI TENDENZA

Almeno fino a venerdì prossimo permangono generali condizioni di bel tempo sull'Italia, solo nel pomeriggio sui rilievi saranno possibili addensamenti cumuliformi e temporali locali. La temperatura sarà in ripresa dopo un iniziale diminuzione a partire da mercoledì.

 Carta del tempo su corsa GFS riferita a venerdì 29 Giugno, si nota una possibile depressione ad ovest del Portogallo che potrebbe nei giorni successivi veicolare masse d'aria calda da sud sull'Italia e il Mediterraneo. Ipotesi da verificare nei prossimi giorni. Fonte: wetterzentrale con elaborazione di meteoreport.netCarta del tempo su corsa GFS riferita a venerdì 29 Giugno, si nota una possibile depressione ad ovest del Portogallo che potrebbe nei giorni successivi veicolare masse d'aria calda da sud sull'Italia e il Mediterraneo. Ipotesi da verificare nei prossimi giorni. Fonte: wetterzentrale con elaborazione di meteoreport.ne

 

LA PAROLA AL PREVISORE

«L'Estate è partita con il freno a mano tirato. La predisposizione dell'anticiclone delle Azzorre a mantenersi defilato più a nord predispone aria più fresca dai quadranti orientali a scivolare verso sud-ovest, instaurando condizioni di instabilità, ed evitando alle temperature di aumentare in modo eccessivo, come avvenuto(in modo anomalo) negli ultimi anni.

Allora sarà un Estate più fresca? Nessuno può dirlo! Certo, il quadro teleconnettivo, per quanto sperimentale, non depone ad un Estate molto calda a come eravamo tristemente abituati in questi ultimi anni. Ma restando con i piedi per terra, non escludiamo le onde di calore. Proprio da venerdì prossimo una depressione,(come da cartina sopra) ad ovest del Portogallo, potrebbe veicolare masse d'aria calda dall'Africa settentrionale ,facendo lievitare le temperature su tutta l'Italia. Vi sapremo dire nei prossimi editoriali la fattezza di questa elaborazione al computer.

Continuiamo a registrare allagamenti e danni ad ogni temporale che interessa la nostra penisola, ma la colpa è davvero del clima o dell'incuria dell'uomo? Per noi è decisamente dell'uomo! Cadono alberi come birilli, li chiamano malati, ma malati non sono, i malati siamo noi che ne tagliamo le radici quando ci sono lavori di manutenzione delle strade, asfalto, tubi dell'acqua, del gas, dell'elettricità, dei telefoni. Per gli allagamenti prendiamocela invece con la scarsa manutenzione del sistema fognario, per le frane con gli incendi dolosi, e con le alluvioni con la cementificazione degli alvei di fiumi e torrenti, trasformati in autostrade per l'acqua che arriva a tutta velocità travolgendo ogni cosa. Non è colpa dei cambiamenti climatici, ma dell'imbarbarimento umano se si verificano queste sciagure. Prendiamone atto, facciamoci un esame di coscienza prima di puntare il dito sulla natura impazzita. Restate con noi».