Dolomiti dal cielo: viaggiando nel sogno, sulle ali del vento…

Le Dolomiti, le montagne più famose del mondo, viste da 11500 metri di altezza. Un breve viaggio ideale, alla scoperta delle più belle zone sciistiche del Dolomiti Superski riprese da un’inquadratura… insolita! Fotografie di Flavio Vecchi e Fabrizio Simonelli (tutti i diritti  riservati).

Provenendo da sud, appena superate le Prealpi Venete, ecco apparire il Lagorai con le Pale di San Martino (al centro), mentre nel bosco di Paneveggio si nasconde l’omonimo lago artificiale. Le piste del comprensorio Alpe Lusia (Moena) splendono al sole.

Poco oltre si estende in tutta la sua lunghezza la Val di Fassa, dal paese di Predazzo (in basso a destra) fino ai massicci del Sella e della Marmolada. In basso sono ben identificabili le piste di Obereggen/Alpe di Pampeago, comprensorio a cavallo del Trentino e dell’Alto Adige; al centro è ben visibile il Passo San Pellegrino, in posizione fortunata tra Veneto e Trentino.

Nella parte bassa della foto troviamo il Catinaccio (o Rosengarten) con il Passo Costalunga, mentre si intuisce tutto lo sviluppo della Val di Fassa, passando per la conca di Pozza di Fassa e le relative piste, per arrivare dove la valle curva e ospita Canazei.

L’Alpe di Siusi, il più esteso alpeggio d’Europa, è il protagonista in questa foto di cui occupa la parte bassa. È delimitato ad est dal Sassolungo e dal Sassopiatto mentre a nord passa il solco della Val Gardena, con le sue piste e i paesi di Ortisei, Santa Cristina e Selva. Al centro della foto c’è il massiccio del Sella, baricentro del Dolomiti Superski, attorno al quale si svolge uno dei percorsi sciistici più suggestivi del mondo: il Sellaronda.

In basso a destra ecco la Plose, montagna e comprensorio della Valle Isarco, le cui piste da sci scendono verso Bressanone. Poco dietro il celebre Plan de Corones, meraviglioso panettone innevato che sovrasta Brunico e Marebbe. La Val Pusteria, naturale confine settentrionale delle Dolomiti, è invasa da nubi basse.

Di nuovo la Val Pusteria, accompagnata stavolta dalla Valle di Tures e dalla Valle Aurina (a sinistra): quest’ultima rappresenta la porzione di territorio più a nord d’Italia.

Seguono altre istantanee catturate direttamente sulle piste da sci tra Corvara e Arabba, in zona Campolongo, con il particolare del Santuario delle Tre Croci.